Detrazioni e incentivi per aziende e hotel

Investire nell'efficienza energetica è ancora più conveniente

Share

Detrazioni e incentivi

 

Ridurre i costi di approvvigionamento energetico ti consente di aumentare i guadagni e la competitività sul mercato.

 

Lo stato mette a disposizione di soggetti titolari d'impresa diverse misure incentivanti che rendono gli investimenti in efficienza energetica ancora più convenienti:

  • detrazione fiscale per il risparmio energetico 65%
  • titoli bianchi
  • super e iper ammortamento
  • conto termico 2.0.

 

Gli incentivi e le detrazioni sopra elencate non sono cumulabili.

 

 

Super ammortamento

 

Scopo

  • Fornire un supporto alle imprese che investono in beni strumentali nuovi, in beni materiali che migliorino i processi produttivi.

Misure

  • La quota di super ammortamento per il 2019 è del 130%, ovvero è possibile portare in ammortamento il valore di acquisto dei beni strumentali con una maggiorazione del loro valore di acquisto.
    L’agevolazione sarà reintrodotta dal 1° aprile al 31 dicembre 2019, con la possibilità di completare l’acquisto dei beni strumentali entro il 30 giugno 2020 a condizione che entro la fine dell’anno l’ordine risulti accettato dal venditore e sia stato versato un acconto pari almeno al 20 per cento del costo di acquisizione. Sarà possibile beneficiare della proroga del super ammortamento per un totale di 2,5 milioni di euro di investimenti effettuati nel 2019. La parte di spesa eccedente resterà fuori dal beneficio. Va inoltre tenuto presente che il super ammortamento è esteso anche agli acquisti effettuati in leasing ed è un vantaggio cumulabile con i Certificati Bianchi. Per chi beneficia dell’iperammortamento possibilità di fruire anche di una supervalutazione del 140% per gli investimenti in beni strumentali immateriali (software e sistemi IT).  

 

 

 

Come funziona

Si supponga di acquistare un impianto di microcogenerazione al costo esemplificativo di 60.000 euro. Con il super ammortamento al 130% si potrà portare in ammortamento una quota complessiva pari a 78.000 euro, con conseguenti vantaggi in termini di abbattimento della base imponibile.

A chi spetta

  • Tutti i soggetti titolari di reddito d’impresa

 

Certificati Bianchi per 10 anni


Un impianto di cogenerazione Compact Power consente di accedere agli incentivi previsti dal DM 5 settembre 2011, ossia ricevere per 10 anni i Certificati Bianchi corrispondenti alla riduzione di consumo energetico garantita dalle unità.
Compact Power è in grado di gestire per conto del Cliente tutte le pratiche necessarie a ricevere il controvalore economico dei certificati senza società intermediarie.

È online la circolare direttoriale del 1 agosto 2018 n. 295485 che fornisce chiarimenti sul rispetto del requisito dell’interconnessione ai sistemi informatici di fabbrica per alcuni beni strumentali.

 


Detrazione fiscale per il risparmio energetico

 

La legge di bilancio 2019 (legge n.145 del 30 dicembre 2018) ha prorogato al 31 dicembre 2019, nella misura del 65%, la detrazione fiscale (dall’Irpef e dall’Ires) per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici confermando l’applicabilità (fino a un valore massimo della detrazione di 100.000 euro) per l’acquisto e la posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti. L’agevolazione fiscale consiste in detrazioni dall’Irpef (Imposta sul reddito delle persone fisiche) o dall’Ires (Imposta sul reddito delle società) in 10 rate annuali di pari importo. Per beneficiare della detrazione è necessario che gli interventi effettuati portino a un risparmio di energia primaria pari almeno al 20%.

In alternativa alle agevolazioni fiscali per il risparmio energetico, è possibile optare per la detrazione per gli interventi di recupero edilizio, attualmente al 50% fino al 31.12.2019. Tale agevolazione, disciplinata dall’art.16-bis del Dpr 917/86, è prevista per i medesimi interventi ed è applicabile nel momento in cui si sostengono spese per ristrutturazione di immobili, con un limite massimo di 96.000 euro.

Chi può usufruire della Detrazione Fiscale?


Possono usufruire della detrazione del 65% tutti i contribuenti residenti e non residenti, anche se titolari di reddito d’impresa, che possiedono, a qualsiasi titolo, l’immobile oggetto di intervento. Quindi:

  • Le persone fisiche (inclusi gli esercenti arti e professioni)
  • Chi consegue reddito d’impresa (persone fisiche, società di persone, società di capitali)
  • Enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale.

La condizione indispensabile per usufruire della detrazione è che gli interventi siano eseguiti su unità immobiliari e su edifici (o su parti di edifici) esistenti, di qualsiasi categoria catastale, anche se rurali, compresi quelli strumentali (per attività d’impresa o professionale).

Possono usufruire della Detrazione Fiscale  del 50% sulle spese di ristrutturazione tutti i contribuenti assoggettati all’imposta sul reddito delle persone
fisiche (Irpef), residenti o meno nel territorio dello Stato. L’agevolazione spetta non solo ai proprietari degli immobili ma anche ai titolari di diritti reali/personali di godimento sugli immobili oggetto degli interventi e che ne sostengono le relative spese.

Quali sono le detrazioni ammesse?

Le detrazioni ammesse sono relative agli interventi di efficientamento energetico, come:

  • Installazione di pannelli solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria o come integrazione al riscaldamento
  • sostituzione dell'impianto di riscaldamento esistente con un nuovo impianto in pompa di calore, caldaia a condensazione, sistema ibrido o cogenerazione.

 

 

Quali sono le percentuali riconosciute?

  • 65% per l'installazione di pannelli solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria o come integrazione al riscaldamento
  • 65% per la sostituzione dell'impianto di riscaldamento invernale con Pompa di calore ad alta efficienza (aria-acqua, aria-aria) oppure Caldaia a condensazione in classe A in abbinamento a termoregolazioni in classe V, VI o VIII oppure Sistema ibrido (caldaia a condensazione + pompa di calore) oppure Microcogeneratori (fino a 50 kWel)
  • 50% per per la sostituzione dell'impianto di riscaldamento invernale con Caldaia a biomassa in classe V oppure Caldaia a condensazione almeno di classe A

La quota da detrarre include i costi del materiale, la progettazione, l’installazione e le certificazioni e va ripartita in 10 quote annuali di pari importo. Per ogni tipologia di intervento è stata definita una quota massima detraibile.

Come accedere alla detrazione?

Condizione indispensabile per fruire della detrazione è che gli interventi siano eseguiti su unità immobiliari e su edifici (o su parti di edifici) esistenti, di qualunque categoria catastale, anche se rurali, compresi quelli strumentali (per l’attività d’impresa o professionale).
Se sono stati realizzati più interventi di risparmio energetico agevolabili, il limite massimo di detrazione applicabile sarà costituito dalla somma degli importi previsti per ciascuno degli interventi realizzati.
- Per beneficiare dell’agevolazione fiscale è necessario essere in possesso dei seguenti documenti:
- L’asseverazione da parte di un tecnico abilitato
- L’attestato di prestazione energetica (APE)
- La scheda informativa relativa agli interventi realizzati, redatta secondo lo schema riportato nell’allegato E o F del decreto attuativo (D.M. 19 febbraio 2007).

Entro 90 gg dalla fine dei lavori, i documenti vanno trasmessi all’ENEA.

 

 

 

Vuoi avere informazioni più approfondite su vantaggi e agevolazioni fiscali