Ha ancora senso parlare di solare termico?

Si, certo. Ad oggi non esiste una tecnologia con un rapporto tra energia prodotta ed energia consumata così elevato come il solare termico, che a fronte di un ridottissimo consumo di corrente elettrica (per il funzionamento della pompa di circolazione) è in grado di fornire una quantità di energia termica centinaia di volte superiore. Volendo fare un raffronto con una pompa di calore, che ha un rapporto tra energia prodotta ed energia consumata (COP) pari a 4 o 5 (produce 4 o 5 kW per ogni kW consumato), un impianto solare può avere un “COP”  anche superiore a 500, ovvero produce 500 volte l’energia che consuma. Naturalmente bisogna scegliere gli strumenti giusti, come collettori ad alte prestazioni come i pannelli solari STAR e AQUA PLASMA, abbinati a sistemi evoluti di trasferimento dell’energia, come il Sistema Aqua.

L’esempio prende in considerazione il rapporto tra energia producibile da un impianto da 30 m2 (diciamo 800 kWh/m2*anno x 30 m2 = 24000 kWh) e l’energia elettrica consumata dalla pompa (52 W alla massima potenza per 900 ore all’anno = 46,8 kWh).

Il rapporto tra energia prodotta e consumata è appunto di 24000/46,8 = 512. Ma questo valore potrebbe essere anche molto superiore.

Ipotizzando un COP degli impianti solari, così come esiste per le pompe di calore, con il Sistema Aqua, che consuma metà della corrente elettrica degli impianti tradizionali, e i pannelli solari Plasma, che producono più di qualunque altro collettore, avremmo valori imbattibili. 

Impianto Solare di Tor Vergata, uno dei più grandi d'Italia. Guarda le video interviste del seminario organizzato in collaborazione con l'Ordine degli Ingegneri di Roma.

Perchè scegliere un impianto solare Paradigma?

#1 Intervista a Luca Turco: L'efficienza degli impianti solari termici Paradigma espressa in COP.

#2 Intervista Ing. Lancia: La professionalità e la disponibilità dei tuoi Partner fanno la differenza.

#3 Intervista Ing.Torelli: Perchè abbiamo scelto Paradigma? Rendimento dell'impianto ben sopra le previsioni! 

Quali sono i vantaggi di un impianto solare Paradigma? 

 

1. Innovativi: da oltre 10 anni una tecnologia esclusiva a livello mondiale

Grazie al brevetto esclusivo AquaSolar System, i pannelli Paradigma utilizzano l'acqua come fluido termovettore al posto dell'antigelo. NON UTILIZZANO GLICOLE!

2. Efficienti: la tecnologia sottovuoto garantisce un funzionamento costante

Con la tecnologia sottovuoto raggiungono livelli di coibentazione unici sul mercato. Lo specchio riflettente posto sotto i tubi massimizza la radiazione solare. 

3. Modulari: soluzioni su misura per ogni esigenza

Garantiscono la massima flessibilità per un dimensionamento ottimale a partire dal fabbisogno energetico della singola utenza. 

4. Massimi incentivi: l'efficienza certificata è premiata con il più alto incentivo del Conto Termico

Gli impianti solari possono accedere agli incentivi a fondo perduto del Conto Termico o alla Detrazione Fiscale del 65%. Scarica la nostra Guida 2018. 

Richiedi la consulenza gratuita di un nostro esperto e proponi ai tuoi clienti il pannello più performante del mercato!

 

I suoi dati saranno trattati nel rispetto del Reg. (UE) 2016/679 come indicato nella nostra Informativa per il trattamento dei dati personali.
Accetto* Leggi l'informativa in materia di privacy

La certezza del miglior prodotto sul mercato

Pannello solare Aqua Plasma
Tecnologia

Collettore sottovuoto con AquaSystem (no glicole) + trattamento al Plasma

Numero tubi

Da 14 a 21

Rendimento annuale Solar Keymark

736 kWh/mqa (rif. superficie apertura) 

Temperatura di stagnazione

338°C

Garanzia

10 anni da grandine sui tubi/5 anni sul pannello

Pannello solare Star
Tecnologia

Collettore sottovuoto con AquaSystem (no glicole)

Numero tubi

Da 14 a 21

Rendimento annuale Solar Keymark

663 kWh/mqa (rif. superficie apertura)

Temperatura di stagnazione

301°C

Garanzia

10 anni da grandine sui tubi/5 anni sul pannello

Ma l'acqua non gela? 

AquaSolar System è dotato di un'evoluta funzione antigelo: la pompa solare, che fa muovere e circolare l'acqua nell'impianto solare, si accende (quando la temperatura del liquido scende sotto un determinato livello) secondo un preciso algoritmo che distribuisce nella rete delle tubazioni solari l'esatta quantità di energia necessaria ad evitare in modo affidabile un eventuale rischio di gelo.
La funzione antigelo è in grado di gestire situazioni con temperature fino a -25°C, sostituendo pienamente la capacità anticongelante dell'ormai superato glicole. 

L'innovazione: il principio del secchio

La pompa dell'impianto solare si accende soltanto quando la temperatura di mandata solare è uguale o superiore alla temperatura desiderata nel bollitore. Per questo la caldaia e l'impianto solare termico possono condividere lo stesso scambiatore all'interno del bollitore. Avendo temperature di mandata del liquido solare elevate, il pannello solare termico può essere considerato come una caldaia aggiuntiva: scaricando solo acqua ad alta temperatura e diretta nella parte alta del bollitore, la sonda di accensione della caldaia si mantiene calda, evitando così frequenti accensioni.